OLIVIERO: “IN ARRIVO 54 MILIONI DI VACCINI IN ITALIA, IL GOVERNO DIA ALLA CAMPANIA LE DOSI CHE GLI SPETTANO DI DIRITTO”

Vincenzo Buffardi

aprile 19, 2021

162 visualizzazioni

 

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo.

L’arrivo di 54 milioni di dosi di vaccino nel nostro Paese è la più bella notizia che potevamo ricevere in questi lunghi mesi di pandemia, ci auguriamo che si terrà conto che la Campania è la regione con la più alta densità di popolazione d’Italia”. Lo dichiara il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Oliviero. L’annuncio di questa massiccia fornitura è stato dato dal commissario per il mercato interno, Thierry Breton, ieri sera in una nota trasmissione televisiva della Rai. “Una notizia che ci fa sperare di arrivare a quella tanto agognata immunità di gregge già in estate – continua il Presidente dell’Assemblea regionale – ma dobbiamo sperare che la Campania riceverà le dosi di vaccino sufficienti per poter immunizzare almeno il 70% dei cittadini. Abbiamo allestito in tutta la regione centri vaccinali all’avanguardia dove i nostri operatori sanitari, supportati spesso dalle forze Armate, stanno effettuando inoculazioni senza sosta. Ma per continuare con questi ritmi abbiamo bisogno di dosi sufficienti. Finora la Campania è stata penalizzata ricevendo solo il 25% dei vaccini. Questo non è più tollerabile e mi associo all’appello del Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, affinché il Governo centrale comprenda, una volta e per tutte, che la Campania non deve reclamare ciò che gli spetta di diritto. Siamo tra le regioni che effettuano più vaccini al giorno e per continuare spediti abbiamo bisogno della materia prima. Possiamo fare tutti gli sforzi possibili con i ristori, ma per riavviare seriamente l’economia abbiamo bisogno di far ripartire i settori produttivi. Per farlo c’è necessità di una immunizzazione di massa. Siamo alle porte dell’estate e con la quantità di vaccini in arrivo si può ben sperare di salvare il settore turistico che è una perla per la Campania”. 

Condivi il post su: