Assessore Piazza su inciviltà sportiva

Vincenzo Buffardi

maggio 16, 2018

295 visualizzazioni

Mondragone. In relazione agli episodi accaduti tra la notte trascorsa quando la Juventus ha matematicamente vinto il 7° scudetto e la giornata successiva  a Mondragone e in merito all’esposizione di una frase irriguardosa nei confronti della società di calcio Juventus sul Monte Petrino ed al posizionamento di manichini impiccati raffiguranti calciatori della società di calcio Napoli con la maschera di Pulcinella sulla passerella ciclopedonale, posta nel tratto urbano della Domiziana di Mondragone, a nome dell’Amministrazione Comunale condanno fortemente entrambi i gesti senza se e senza ma; gesti di tale portata non hanno nulla a che vedere con lo sport.                                                             L’Assessore delegato allo Sport Giuseppe Piazza ha dichiarato: La rivalità tra tifoserie di squadre avverse non deve portare ad azioni che sconfinano nella volgarità se non nell’inciviltà. Non possiamo consentire che “pseudo tifosi” possano infangare l’immagine di società di calcio, così come non possiamo consentire che degli scalmanati arrechino danni all’immagine della città di Mondragone. Ho chiesto al comandante della polizia municipale di visionare le telecamere della videosorveglianza poste in adiacenza della domitiana e se ci sono immagini che consentono l’identificazione di chi ha commesso tali deprecabili azioni, di procedere immediatamente alla denuncia. Questi gesti seguono un altro verificatosi circa una decina di giorni fa sempre sulla passerella ciclopedonale, quando i soliti “pseudo” tifosi della Juventus hanno imbrattato i vetri della protezione laterale. Azioni del genere – tra l’altro – vanno a gravare anche sulle casse cittadine, atteso che la rimozione della scritta ingiuriosa sul Monte Petrino e la cancellazione delle frasi sui vetri satinati della passerella costeranno un bel po’ di soldi alle casse comunali e, quindi, denaro a carico di tutti i contribuenti”.

Alfonso Attanasio

Condivi il post su:

Lascia un commento