Sessa A. – Discarica e Bonifica, il PD locale risponde agli organi di stampa

Vincenzo Buffardi

aprile 10, 2021

102 visualizzazioni

(Anna Smimmo) – Riceviamo dal Partito Democratico sez. Sessa Aurunca e pubblichiamo il comunicato stampa.

Non si è fatta attendere la risposta indignata del Partito Democratico di Sessa Aurunca alle dichiarazioni di Alberto Verrengia su alcuni organi di stampa da cui lascia intendere che i meriti del finanziamento di ben 5 milioni di Euro per la bonifica della discarica “La Selva” di Sessa Aurunca fossero da attribuire a Zinzi e ad un suo sopralluogo in loco:

“Apprendiamo da organi di stampa che al contrario di quello che in questi anni dichiarazioni, atti e atteggiamenti davano a capire, nella maggioranza regionale, al fianco del Presidente De Luca, c’era anche Giampiero Zinzi, che se pur eletto all’opposizione con il suo “interessamento” ha sbloccato la bonifica. O forse ci si riferiva alla passerella mediatica fatta con un sopralluogo presso l’area? Beh, se così fosse chi fa certe dichiarazioni dovrebbe apprendere, vista la mancanza, che ad un sopralluogo dovrebbe far seguito una presa di posizione che non c’è stata, chi invece ha lavorato, lo ha fatto senza passerelle ma con risultati. Ma in questi anni l’attività amministrativa di certi individui è stata quella di intestarsi i meriti altrui e non ci riferiamo al Dott. Zinzi, ma a più locali politicanti che come un dantesco sciacallo giunge d’ogni dove”

 

Condivi il post su:

Casal di Principe/Napoli-Iniziato l’iter per il disegno di legge a firma del Presidente del Consiglio regionale Oliviero su: “interventi perequativi ambientali, urbanistici e socio-culturali”

Vincenzo Buffardi

marzo 30, 2021

83 visualizzazioni

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo.

Iniziato l’iter per il disegno di legge a firma del Presidente del Consiglio regionale Gennaro Oliviero su: “interventi perequativi ambientali, urbanistici e socio-culturali per il Comune di Casal di Principe”. Questa mattina, infatti, il disegno di legge è approdato alla discussione in I Commissione. Sono previste audizioni prima di arrivare all’approvazione definitiva in sede di Consiglio regionale 

Un disegno di legge a sostegno del comune di Casal di Principe che per un trentennio ha vissuto il dominio della criminalità organizzata, determinando un degrado ambientale, strutturale e sociale di notevole intensità. 

“A causa del dominio della camorra, la città di Casal di Principe non ha potuto intraprendere un percorso ordinato di sviluppo urbanistico, ambientale e socio-culturale – dichiara il Presidente del Consiglio regionale, firmatario della proposta di legge – basti pensare all’assenza di qualsiasi strumento urbanistico volto a determinare una crescita sostenibile della città che ha aumentato a dismisura l’abusivismo edilizio da parte del malaffare. Tutto ciò ha portato alla mancanza di infrastrutture pubbliche adeguate, di una rete fognaria proporzionata alle esigenze della città, a danni continui a culture e strutture a causa dei continui allagamenti. Oggi è necessario intervenire strutturalmente soprattutto sul numero esorbitante di beni confiscati dalla magistratura alla camorra e destinarli a fini istituzionali e/o sociali. Bisogna intervenire anche e soprattutto nel cercare di limitare i danni causati dal traffico e lo smaltimento di rifiuti illeciti e tossici con evidenti danni per l’ambiente, ma anche con effetti devastanti sulla qualità di vita e salute delle persone. La lunga egemonia criminale ha determinato un fenomeno di degrado culturale e sociale della comunità di Casal di Principe, su cui grava un negativo impatto dell’opinione pubblica, ed è nell’indirizzo di un riscatto definitivo che si colloca il disegno di legge”, conclude il Presidente dell’assise regionale. 

Condivi il post su:

Napoli/Caserta/Benevento-Valorizzare il patrimonio archeologico, Oliviero incontra l’Architetto Pagano.

Vincenzo Buffardi

marzo 23, 2021

246 visualizzazioni

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa.

Si è svolto questa mattina, presso la Presidenza del Consiglio regionale della Campania, un incontro con il Presidente del Consiglio, Gennaro Oliviero, e il Sovraintendente dei Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento, l’Architetto Mario Pagano.

L’incontro istituzionale ha avuto come tema quello di un lavoro sinergico tra la Sovraintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio delle province di Caserta e Benevento e la Presidenza del Consiglio regionale, al fine di valorizzare il patrimonio archeologico delle due provincie campane.

“Siamo un territorio che ha un patrimonio archeologico di grande rilievo – ha dichiarato il Presidente del Consiglio Regionale Oliviero – il nostro impegno dovrà essere costante e continuo affiche questo patrimonio venga esposto e riconosciuto sempre più. Ringrazio l’Architetto Pagano, che questa mattina ho avuto l’onore di avere ospite, per la disponibilità e la necessità di voler intraprendere un lavoro sinergico e comune, affinché si dia il giusto valore ai nostri meravigliosi beni archeologici.”

Condivi il post su:

Minori e criminalità giovanile, Oliviero e Fiola propongono un Consiglio regionale monotematico

Vincenzo Buffardi

marzo 16, 2021

71 visualizzazioni

(Anna Smimmo) -Riceviamo e pubblichiamo.

Il Presidente del Consiglio Regionale, Gennaro Oliviero, e la presidente della VI commissione permanente, Istruzione, Cultura, Ricerca scientifica e Politiche Sociali, Bruna Fiola, hanno in programma di indire un Consiglio regionale monotematico per affrontare il dilagante problema dei minori e giovani adulti a rischio.

“Il report del Garante dei detenuti sui minori a rischio è drammatico – dichiara il presidente Oliviero – la Campania risulta essere una delle regioni maggiormente interessata dal fenomeno della criminalità giovanile. Nel 2020 solo tra Napoli e provincia si contano 593.036 minori a rischio con una percentuale che si avvicina al 18%. I servizi sociali ne hanno presi in carico solo 498. Bisogna esaminare soprattutto i fattori a rischio. Il primo in assoluto è la dispersione scolastica. Infatti, il 40% dei minori abbandona la scuola troppo presto, creando una povertà culturale che li spinge verso la devianza. Altro fattore è il contesto camorristico dove i minori, sia per legame di sangue o amicizie dei quartieri dove il fenomeno è diffuso, sono fortemente a rischio. Da non sottovalutare le cosiddette baby gang, che praticano la violenza senza motivo e questo fenomeno spesso è praticato anche e soprattutto in età preadolescenziale. Dobbiamo individuare le strategie necessarie per il recupero di questi minori. La politica deve soffermarsi su cosa spinge i nostri giovani verso questo disadattamento e intervenire per correggerlo, perché non dobbiamo mai dimenticare che essi sono il nostro futuro e vanno tutelati”.

“È fondamentale affrontare seriamente una discussione sui minori a rischio e sulla devianza minorile – ha dichiarato la Presidente della VI Commissione Bruna Fiola – Il report del Garante dei detenuti fotografa la situazione che per i minori resta allarmante. Al 15 febbraio 2021 i minorenni in carico agli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni sono in totale a Napoli 709, tra quelli presi in carico la prima volta (67) e quelli già precedentemente in carico (642). Nel 2020, si evince dal report, abbiamo avuto a Nisida 113 ingressi e ad Airola 40 per un totale di 153 ingressi in un anno. Dovremmo però agire su diversi livelli. Basti pensare al numero di assistenti sociali al Sud, dove quasi tutte le Regioni sono fortemente sotto organico e non raggiungono il rapporto di 1/6500, tantomeno quello di 1/5000. In questo sarà decisivo il supporto del Governo nazionale, affinché si possa ridurre questo gap. Il risultato è difatti nefasto, perché così si allontana la possibilità di poter creare una rete assistenziale che possa sostenere i minori, che crescono in contesti dove il rischio di devianza è altissimo. Ed è soprattutto in questi contesti che il supporto va recepito come presa in carico della famiglia. Bisogna poter essere in grado di fornire percorsi di sicurezza e creare una rete tra gli assistenti sociali e le strutture territoriali.  Così come il fenomeno delle baby gang, che non a caso si prolifera in contesti familiari ed ambientali dove i ragazzi sono costretti a crescere senza sostegni affettivi adeguati e senza alcun orientamento socio-educativo. Una grande occasione dovrà essere il Recovery fund, dove sarà necessario investire fortemente sul Piano nazionale dell’infanzia. Investire in maniera decisiva in quartieri e in luoghi, dove i giovani sono abbandonati a loro stessi”.

Condivi il post su:

Oliviero, Raia: domani per Ornella bandiere del Consiglio a mezz’asta 

Vincenzo Buffardi

marzo 14, 2021

103 visualizzazioni

 

(Anna Smimmo) – RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.

“Ho raccolto la richiesta della Vice Presidente, Loredana Raia, di  ammainare domani le bandiere del Consiglio regionale a mezz’asta in segno di cordoglio per la morte di Ornella e per  testimoniare la volontà dell’intera Assemblea legislativa nel levare un grido corale contro il femminicidio. É un gesto fortemente simbolico per testimoniare non solo la nostra vicinanza alla famiglia, ma anche per continuare a testimoniare l’impegno del Consiglio contro la violenza e per cambiare davvero le relazioni tra uomini e donne all’insegna del rispetto dell’altro e dell’altra e della libertà”. 

A comunicarlo il Presidente del Consiglio Regionale, Gennaro Oliviero, che ha così risposto alla lettera inviata dalla Vice Presidente Raia. 

“Ornella Pinto – scrive nella lettera Loredana Raia, Vice Presidente e delegata del Consiglio alle pari opportunità e politiche di genere – è la prima vittima di femminicidio in Campania dall’inizio del 2021. La quattordicesima donna dall’inizio dell’anno morta per mano dell’aguzzino maschio nel nostro Paese. Numeri da brividi! I loro nomi sono stati scanditi dal Presidente della Repubblica, in occasione dell’8 marzo”.

“Il Consiglio regionale – ricorda la Vice Presidente – in questi anni ha prodotto iniziative importanti per il contrasto alla violenza di genere. Il verificarsi di tanti episodi ci deve indurre a continuare ancora con maggiore determinazione in questa direzione. “Perciò – continua Raia – ringrazio il Presidente Oliviero che, accettando, ha manifestato grande sensibilità e attenzione verso le donne vittime, i loro figli e loro famiglie. É ora di coinvolgere tutti i membri dell’assise consiliare affinché – conclude Raia – dai nostri banchi parta una presa di coscienza per una rivoluzione culturale. Bisogna educare alla parità a partire dai luoghi della decisione.

Occorre agire con determinazione se vogliamo ottenere un cambiamento reale della società. Lo dobbiamo ad Ornella e a tutte le altre donne ammazzate e maltrattate. Lo stop alla violenza ed ai femminicidi deve avere la priorità nell’agenda politica ad ogni livello istituzionale”.

Condivi il post su:

Castagna di Roccamonfina, Oliviero:”finalmente marchio IGP”

Vincenzo Buffardi

marzo 9, 2021

117 visualizzazioni

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo.

Si conclude l’iter per il riconoscimento del marchio IGP della castagna di Roccamonfina, Oliviero: “è stato un cammino lungo e travagliato ma siamo finalmente arrivati alla meta”.

Si ritiene soddisfatto il Presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Oliviero, che negli anni ha sostenuto l’iter intrapreso dal Comitato promotore per ottenere il marchio IGP delle castagne fresche ed essiccate coltivate in otto Comuni dell’area del Parco di Roccamonfina e del Monte S. Croce in provincia di Caserta. L’ufficialità arriva dalla pubblicazione del disciplinare sulla Gazzetta Ufficiale. 

“Era una battaglia da intraprendere pur sapendo le grosse difficoltà e la lungaggine dell’iter – ha dichiarato il Presidente dell’Assemblea regionale – questa conquista porterà ad una rimonta del settore della castanicoltura, dopo anni di crisi dovuta al ridimensionamento vertiginoso della produzione  a causa del Cinipile. Fortunatamente la produzione in questi ultimi anni si è, se pur a fatica,  ripresa, la valorizzazione del prodotto con il marchio IGP, significa un rilancio importante del comparto che avrà una positiva ricaduta sull’intero territorio”.

 

Condivi il post su:

Oliviero: unione istituzionale dei comuni dell’Agro aversano e Napoli nord per tutelare la salute de cittadini

Vincenzo Buffardi

marzo 8, 2021

93 visualizzazioni

 

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo.

Il Presidente del Consiglio Regionale della Campania, Gennaro Oliviero, accoglie con entusiasmo l’iniziativa promossa dal Presidente del consiglio comunale di Aversa nel creare una intesa istituzionale dei comuni dell’Agro aversano e di Napoli Nord, che vada oltre gli schieramenti politici e di bandiera per tutelare il diritto alla salute dei cittadini. Un’idea che è stata accolta favorevolmente dai presidenti dei comuni di Villa di Briano, Trentola Ducenta, Lusciano, Parete, Carinaro, Gricignano di Aversa, Teverola, Casal di Principe, Villa Literno, Cesa, San Marcellino, San Cipriano Castel Voltuno, Giugliano e altri ancora. Il tutto nasce a seguito della diffusione dello studio condotto dall’Istituto Superiore di Sanità su mandato della Procura della Repubblica di Napoli Nord, che sancisce anche ufficialmente la correlazione tra patologie oncologiche, malformazioni e smaltimento incontrollato di rifiuti e roghi tossici. 

“Apprezzo e sostengo l’iniziativa che vuole intraprendere il Presidente del Consiglio comunale di Aversa, Palmiero – dichiara il Presidente dell’Assemblea regionale – credo che sia indispensabile e necessaria una collaborazione tra tutti i comuni interessati dallo studio dell’Istituto Superiore della Sanità, al fine di intraprendere una fattiva interlocuzione con il Ministero dell’Interno e la Regione Campania, in modo da comprendere quali iniziative intraprendere nell’immediato e quali iniziative rendere strutturali per combattere una problematica divenuta ormai una piaga sociale per i nostri territori. Nonostante il legislatore abbia dato un impulso importante al contrasto dei c.d. ecoreati negli ultimi anni, c’è bisogno di dare nuova linfa a questa battaglia partendo dai territori vittime di questo scempio. Inviterò presto i Presidenti dei Consigli comunali che aderiranno all’iniziativa per dargli tutto il supporto possibile da parte del Consiglio regionale della Campania ”

Condivi il post su:

Mondragone- Covid, Pacifico tranquillizza la comunità e raccomanda di rispettare le norme anticontagio

Vincenzo Buffardi

marzo 5, 2021

549 visualizzazioni

Mondragone-(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa.

Carissimi concittadini,
nel comunicarvi che la curva dei contagi nella nostra città si è sensibilmente ridotta negli ultimi giorni, e che la somministrazione dei vaccini e lo screening dei contagi continuano con regolarità, ritengo doveroso rivolgervi un accorato appello nel continuare a rispettare le regole per contenere il contagio del virus.
I controlli sul territorio, da me ripetutamente richiesti, non possono sostituire l’esercizio della responsabilità da parte di ciascuno di noi! Pertanto è necessario, soprattutto in questo periodo, assumere comportamenti corretti e rispettare costantemente le norme di contrasto al contagio.
Tanti cittadini lo stanno facendo e grazie al loro impegno e sacrificio stiamo ottenendo buoni risultati, ma è necessario uno sforzo maggiore da parte dei giovani e delle loro famiglie, soprattutto durante i fine-settimana.
Il mio ringraziamento sincero va a tutti coloro che si prendono cura di noi, agli
studenti e ai docenti, ancora una volta purtroppo privati degli spazi della scuola, alle categorie di lavoratori cui è stato chiesto un sacrificio notevole, alle tante realtà che hanno dovuto fermarsi, nei comparti culturale, sociale e sportivo.
Un pensiero particolare va ai nostri cari anziani e alle persone più fragili della
comunità.
Infine, vorrei esprimere la mia personale gratitudine agli operatori delle forze
dell’ordine per l’impegno profuso in questo particolare momento, invitandoli ad intensificare gli sforzi nei controlli, ma soprattutto nel sostegno alla nostra comunità,così da contribuire in via ulteriore al ripristino di un’auspicata normalità.
So che la nostra comunità, che mi onoro di rappresentare, saprà impegnarsi an-
cora di più in questa direzione: insieme ce la faremo!

Il Sindaco

VIRGILIO PACIFICO

Condivi il post su:

Dottorandi esclusi dalle vaccinazioni, Oliviero invia una nota alla Direzione Generale per la tutela della Salute. 

Vincenzo Buffardi

marzo 2, 2021

147 visualizzazioni

 

(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa. 

Sono pervenute al Presidente del Consiglio regionale, Gennaro Oliviero, numerose segnalazioni da parte dei dottorandi di ricerca delle Università, che lamentano l’esclusione dagli elenchi delle vaccinazioni del personale scolastico e universitario.

A tal Proposito il Presidente dell’Assemblea Regionale ha voluto sollecitare la Direzione Generale per la Tutela della Salute con una missiva a sua firma: “gli interessati segnalano che, con la ricerca scientifica, quotidianamente espletano un’ampia gamma di attività didattiche con lezioni frontali, tutoraggio, tirocinio, correlazione nelle tesi di laurea, supporto negli esami e assistenza ai professori, chiedono di poter ricevere equale trattamento a quello riservato alla loro categoria nelle altre regioni – si legge nella nota del Presidente – Ciò premesso, considerato lo sforzo in atto per concludere in tempi rapidi il processo di vaccinazione di tutto il personale delle scuole e delle Università, si chiede di includere nella piattaforma degli aventi diritto anche la preziosa categoria dei dottorandi”.

Condivi il post su:

Il castello di Mondragone sarà illuminato domani 28 febbraio

Vincenzo Buffardi

febbraio 27, 2021

326 visualizzazioni

 

Mondragone-(Anna Smimmo) – Riceviamo e pubblichiamo comunicato stampa.

Il Castello di Mondragone domenica 28 febbraio sarà illuminato per dare speranza alle persone che soffrono di malattie rare.

In occasione della XVI° Giornata Mondiale delle Malattie Rare, l’ANCI ha invitato i Sindaci dei Comuni della Campania a partecipare attivamente a questa campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema attraverso la scelta di illuminare uno dei Monumenti più significativi della propria città.

Anche il Sindaco di Mondragone, su proposta del dott. Vincenzo Corvino, componente del direttivo ANCI nonché consigliere comunale, ha prontamente accolto l’invito e, con la collaborazione dell’Associazione “Armata Mondragonese”, si è provveduto ad installare un impianto fari che domenica prossima illuminerà il Castello della Rocca Montis Dragonis.

L’accensione del Monte Petrino – dice il sindaco Virgilio Pacifico – vuole rappresentare un abbraccio corale da parte della comunità mondragonese, un piccolo ma significativo gesto verso i pazienti in lotta con la malattia rara e i loro familiari per portare l’attenzione di tutti su questo tema particolarmente importanteAbbiamo scelto come monumento da illuminare il Castello di Mondragone perchè  ‘testimonianza viva’ della nostra storia e attualmente inserito in un programma di recupero e valorizzazione attraverso il ‘Progetto Monte Dragonis e strada rurale’ finanziato da parte della Regione Campania per un importo di circa 2.300.000 euro.

Condivi il post su: