Castel Volturno-“Dal Preliminare al Programma Integrato di Valorizzazione” MASTERPLAN LITORALE Domitio-flegreo.

Raffaele Carlino

settembre 20, 2019

34 visualizzazioni

Castel Volturno-(Anna Smimmo) – L’assessorato all’urbanistica e il Governo del Territorio della Regione Campania comunicano dell’avvio della Programmazione Territoriale e settoriale del famoso “MASTER PLAN DEL LITORALE DOMITIO-FLEGREO”.”DAL PRELIMINARE AL PROGRAMMA INTEGRATO DI VALORIZZAZIONE” che verrà presentato il giorno 24 settembre 2019 a partire dalle ore 10.00 presso il Centro di Aggregazione e legalità della città di Castel Volturno, durante il quale porterà i saluti istituzionali il sindaco Luigi Umberto Petrella. Organizzato in collaborazione con il comune di Castel Volturno, l’ente riserve Volturno-Licola-Falciano nella persona del Presidente Giovanni Sabatino e l’Istituto Alberghiero IPSSART di Teano-Cellole, dirigente scolastica Annamaria Orso. Come da Programma (vedi locandina) per l’occasione saranno presenti il Presidente di Confindustria Caserta Gianluigi Traettino e il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Condivi il post su:

Puc, l’Amministrazione di Mondragone apre a confronto e approfondimento.

Raffaele Carlino

settembre 15, 2019

44 visualizzazioni

Mondragone-(Anna Smimmo) – Il 12 Settembre u.s. si è tenuta, promossa dall’Amministrazione comunale di Mondragone, una manifestazione pubblica per presentare le linee di costituzione del PUC della città curate dallo Studio del Prof. Pica Ciamarra.
Introducendo i lavori, il Vicesindaco, Avv. Francesco Lavanga, ha assicurato che seguiranno numerosi altri incontri per soddisfare la domanda di partecipazione che lo strumento urbanistico sollecita e attiva, per il fatto che provvede a caratterizzare le linee di sviluppo non solo economico, ma anche sociale, culturale e ambientale della comunità locale.
L’incontro di questa mattina – per il Vicesindaco – ha significato solo l’avvio di un percorso che si arricchirà di molte altre occasioni di confronto e di approfondimento.
Il Sindaco, Dott. Virgilio Pacifico, nelle conclusioni dell’incontro, ha tenacemente puntualizzato che, tra i diversi obiettivi propri e tipici dello strumento urbanistico in formazione, la sua Amministrazione intende dare assoluta priorità a tutte le opportunità economiche che l’adozione del Piano è in grado di promuovere, come quella del rilancio delle risorse termali, del sostegno alla vocazione agricola e turistica del territorio, della promozione delle potenzialità di iniziative industriali, produttive e commerciali di qualità e, non ultime, quelle delle imprese di trasformazione.
Ha sottolineato, il primo cittadino, anche il valore fondamentale della progettazione di una riorganizzazione viaria, tra le Porte di Levagnole e dell’Idac e di quella di un ”biolago” da ricollocare sulla fascia costiera al fine di permettere un attracco turistico per soddisfare le esigenze della nautica da diporto.
Infine, ha sottolineato la necessità di valorizzare, attraverso veri e propri Piani di recupero e Integrazione, le periferie di Pescopagano, Mazzafarro, Levagnole e di aree marginali sostenendo iniziative di riqualificazione ulteriori rispetto a quelle già prodotte recentemente.

Condivi il post su:

CELLOLE- #TutticonFiocco, l’amore per gli animali supera la violenza.

Raffaele Carlino

settembre 3, 2019

64 visualizzazioni

CELLOLE- (Anna Smimmo)- “Fiocco, un cagnolino dolcissimo legato ad un albero per le zampe in piazza Raffaello”

Evento di una crudeltà e disumanità infinita, è accaduto ieri sera e si è appreso questa notizia attraverso le pagine facebook di Generazione Aurunca e della prima cittadina avv. Cristina Compasso:

“Fiocco, un dolcissimo esemplare di cane a chiazze bianche e nere, si aggira da anni tra le piazze e strade della nostra Cellole, tanto da esser ormai divenuto patrimonio di tutti noi. È talmente integrato nella nostra comunità che Manuel, un bimbo di 5 anni, lo ha ritratto ieri mattina in un disegno bellissimo presentato alla Mostra estemporanea di Pittura!
Qualche barbaro delinquente, annoiato dalla sua vita insulsa, ha mal pensato ieri sera di sottoporlo a tortura, legandolo per le zampe ad un albero in piazza Raffaello. Ringrazio la signora E.P. di avermi stamattina segnalato lo spiacevole accaduto. Da subito ho incaricato la Polizia Locale di visionare le immagini delle telecamere posizionate in piazza per poter risalire agli autori di questo barbaro e insano gesto di disumanità ed inciviltà.
Ma anche L’ OMERTÀ è condotta #colpevole e #complice!
Rassicuro tutti che Fiocco ora sta bene, grazie soprattutto alla sensibilità di chi ha denunciato.
Ricordo che il #maltrattamento di animali è #reato, previsto dall’art. 544-ter del codice penale ai sensi del quale:
“1. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 000 euro a 30 000 euro.
2. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi.
3. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell’animale”-
è quanto afferma la sindaca Compasso.

Inoltre, si sta cercando di risalire ai “delinquenti” attraverso le telecamere e la Polizia locale sta facendo il proprio lavoro: si presuppone che siano ragazzacci allo stato brado ed insensibili. Nonostante tutto, Cellole è una cittadina in cui ci sono tantassime persone che subito si sono attivati per il meraviglioso Fiocco, fortunatamente la situazione termina nel miglior modo possibile e Fiocco è in buone condizioni di salute!

Come afferma saggiamente Ghandi “La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali”.

Condivi il post su:

MONDRAGONE- Pizza Festival-legalità, venerdi si parte con i maestri Sorbillo e Di Matteo.

Raffaele Carlino

agosto 27, 2019

141 visualizzazioni

MONDRAGONE-(Anna Smimmo) – La città di Mondragone si prepara ad ospitare il primo “Pizza Festival”. L’evento, organizzato dall’Associazione “Mondra Pizza” e patrocinato dall’Amministrazione comunale, si terrà in Piazza M. L. Conte dal 30 agosto al 1 settembre, con al centro la genuinità della pizza testimoniata da ospiti d’eccezione come il maestro pizzaiolo Luciano Sorbillo e lo chef narrante Emilio Pompeo, che inaugureranno la manifestazione alle ore 19:30 del 30 agosto, alla presenza del Sindaco Virgilio Pacifico e del Consigliere regionale Giovanni Zannini. Nella stessa serata avremo il concerto del noto musicista partenopeo Eddy Napoli con l’orchestra Luna Rossa. Il 31 agosto, alle ore 18:30, si svolgerà il Laboratorio “Mani in Pasta”-MasterChef Junior rivolto ai più piccoli, mentre a partire dalle 20:45 gli ospiti potranno gustare la pizza guardando la partita di serie A Juventus-Napoli, che verrà trasmessa in diretta durante la serata. Dopo la partita si terrà la presentazione ufficiale della squadra di calcio locale A.S.D Mondragone, che militerà nel campionato di eccellenza campana. Domenica 1° settembre, invece, si terrà la presentazione del libro “Diritto alla Pizza” dell’avvocato Angelo Pisani, insieme al maestro pizzaiolo Luciano Sorbillo e al magistrato Nicola Graziano. La serata di Domenica sarà allietata dalla musica del celebre artista napoletano James Senese. L’amministrazione comunale ha voluto sostenere questa pregevole iniziativa dei pizzaioli, offrendo loro anche la collaborazione costante dei consiglieri Titti Sciaudone e Sandro Rizzieri. “Sono diverse le aree a disposizione delle esigenze degli ospiti:un’area workshop per giornalisti e operatori, un’area Kids lab dedicata ai piccoli masterchef, un’area musica/intrattenimento e un’area food”. L’idea, per Rizzieri e Sciaudone, è quella di creare un “connubio tra gastronomia, cultura e legalità, che sarà al centro di una manifestazione inclusiva, solidale e aperta a tutti.” Durante la presentazione del libro “Diritto alla Pizza”, infatti, ci sarà un momento dedicato alla solidarietà verso tutte le pizzerie campane e tutte le attività in genere che hanno subito atti intimidatori dalle organizzazioni criminali. Questo sentimento di solidarietà verrà rappresentato al Maestro Pizzaiolo Salvatore Di Matteo, testimonial per noi della pizza della Legalità.
Tanto l’impegno degli amici di MondraPizza e di molti pizzaioli locali che– continuano i due consiglieri comunali – hanno saputo mettere in gioco le loro maestranze e hanno voluto dare un significato importante all’evento preannunciando che parte del ricavato sarà devoluto per la realizzazione di un parco giochi inclusivo.Il nostro auspicio – concludono – è anche quello di promuovere eventi a fine agosto/ inizio settembre, che possono diventare occasione per prolungare l’attività degli imprenditori turistici, la presenza dei vacanzieri ed acquisire valenza economica”.

Condivi il post su:

Mondragone- Ciaramella: “Vittima lotta tra vita e morte, assassino solo domiciliari. Vergognoso”

Raffaele Carlino

agosto 27, 2019

65 visualizzazioni

MONDRAGONE ( Anna Smimmo) – “Non è ammissibile che un uomo alla guida di una vettura priva di assicurazione e revisione, oltre che sotto l’effetto di cocaina, sia stato destinato, per iter legislativo, ai soli domiciliari mentre la vittima, di soli 8 anni, lotta tra la vita e la morte all’ospedale Santobono di Napoli”. E’ infuriato il responsabile della sede Aversa ed Agro aversano dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada Onlus, Biagio Ciaramella, per le misure adottate nei confronti del pirata della strada che, nella serata di sabato 24 agosto, ha travolto in pieno una bambina di nazionalità ucraina, nella località Pescopagano del comune di Mondragone.
E’ accaduto tutto in una frazione di secondo. La piccola stava camminando in strada con i genitori. Il 47enne, originario di Secondigliano, l’ha investita e non le ha prestato soccorso.
Successivamente si è andato a costituire presso la locale stazione dei carabinieri. Nei controlli di rito, l’uomo, attualmente sottoposto a fermo e destinato ai domiciliari, è risultato positivo alla cocaina ed è stato appurato che la sua vettura, al momento dell’accaduto, fosse priva di assicurazione e revisione. La bambina è in prognosi riservata, non è possibile operarla per le troppo lesioni riportate ed i medici stanno lavorando solo per stabilizzare le sue condizioni.
“Bisogna abolire i domiciliari per chi si macchia di reati di questo tipo. Devono aspettare l’esito del processo dalla galera”. E’ un fiume in pena Ciaramella, che sottolinea come “questo soggetto, oltre a tenere comportamenti poco consoni alla guida, non aveva pagato nemmeno l’assicurazione sulla vettura. Un fattore sempre più dilagante sia per i costi, ormai molto alti, sia a causa della cultura del non pagare”.
L’appello è alle forze dell’ordine: “Oggi non è difficile capire se le auto dispongano o meno della copertura assicurativa. Striscia la Notizia ha posto più volte l’accento su questo tema, mostrando anche come utilizzare i funzionali sistemi operativi. Spero che di questi ultimi, ne possano disporre tutti i componenti armati nel breve tempo”.
L’aversano è arrabbiato per un’interpretazione della legge troppo buonista: “Ritengo che la Giustizia italiana non stia ponendo la giusta attenzione sulla situazione originatasi. Probabilmente se i sistemi tecnologici fossero stati realmente utilizzati, la piccola starebbe ancora giocando con la sua famiglia. E’ una vergogna”.
Pugno chiuso anche da parte del presidente A.I.F.V.S. Onlus, Alberto Pallotti: “Questi animali vanno tolti dalla strada, è un dovere di tutti. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sappia che questo è il problema più grave cui dobbiamo far fronte su piano
nazionale. Ogni settimana registriamo nuovi casi. Non ci sono parole per descrivere la disperazione che stanno vivendo intere famiglie. Le loro vite sono cambiate solo perché qualcuno ritiene giusto comportarsi come delle bestie. Le nostre preghiere sono rivolte alla bambina – conclude-, affinché riesca a vincere questa battaglia”.

Condivi il post su:

“Cellole Shopping night”, successo ed emozioni con il Neapolitan Sound di Enzo Avitabile.

Raffaele Carlino

agosto 22, 2019

41 visualizzazioni

CELLOLE- (Anna Smimmo)- Giunge al termine la seconda Edizione di “CELLOLE SHOPPING NIGHT”, la notte bianca, che vede le attività commerciali aperte fino a tarda ora. Cellole gremita di gente tra le strade, ieri mercoledi 21 agosto, dove e’ stato possibile divertirsi con animatori ed artisti di strada. Iniziativa proposta dall’assessorato al commercio Francesco Barretta, amministrazione capeggiata dalla sindaca avv. Cristina Compasso. Ospiti della serata sono stati “Enzo Avitabile e I Bottari” dalle ore 22:00 in piazza Nassirija. Le emozioni non si contano quando Avitabile entra in scena e suona” suo fratello” sax!

Pioggia di folla ad assistere il grande artista e musicista napoletano proveniente anche da territori limitrofi e turisti. Un vero e proprio successo! Il musicista Partenopeo ha saputo sposare il bagaglio artistico di una carriera trentennale con una ricerca continua di innovazione musicale, con uno sguardo sempre attento e rivolto al sociale, cantando le sofferenze degli ultimi ma anche le loro speranze: “Cellole canta, Cellole canta speranza…”– è quanto afferma Enzo Avitabile durante una delle sue performance. Il Neapolitan Sound rivisitato di un suono originale, vitale e contaminato è il Dna del cantante, compositore e polistrumentalista Avitabile.

Condivi il post su:

Mondragone, il Sindaco Pacifico blocca i lavori della Commissione locale per il Paesaggio e i Consiglieri di minoranza lo diffidano in Soprintendenza, richiedendo gli atti al Comune.

Raffaele Carlino

agosto 6, 2019

250 visualizzazioni

MONDRAGONE- (Anna Smimmo)- I Consiglieri comunali Valerio Bertolino, Achille Cennami, Pasquale Marquez, Alessandro Pagliaro, Antonio Pagliaro e Giovanni Schiappa, hanno formalmente informato il Soprintendente per i Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici Salvatore Buonomo e il Responsabile della IV Sezione Tecnica della Soprintendenza Rossano Vetrano circa l’attuale fase di stallo e la necessità di comporre la nuova Commissione locale per il Paesaggio, protocollando poi presso il Comune di Mondragone una formale richiesta ai sensi della normativa vigente in materia di diritti di accesso agli atti amministrativi, nonché in ossequio a tutto quanto previsto dal relativo Regolamento comunale per l’esercizio di detto diritto per chi ricopre il ruolo ed esercita la funzione di Consigliere del Comune di Mondragone.

Inoltre, contestualmente, gli Amministratori comunali di minoranza hanno diffidato il Sindaco Virgilio Pacifico, il Segretario comunale Antonia Elia, il Capo Area III Salvatore Catanzano e il Responsabile Unità Operativa Ferdinando Palmieri a concludere il procedimento amministrativo relativo all’individuazione dei nuovi componenti della Commissione locale per il Paesaggio, la cui ultima composizione risale allo scorso 26 novembre 2015, quando con deliberazione di Consiglio comunale n. 40, si procedette alle nomine ai sensi dell’art. 148 del Decreto legislativo n. 42 del 22 gennaio 2004.

Il tutto perché dopo un triennio la Commissione andava subito rinnovata, ma l’attuale Amministrazione comunale – pur mantenendola in proroga tacita – non teneva conto che nel corso dell’anno 2018 si dimettevano dal relativo incarico ben n. 2 (numero due) componenti e, quindi, che occorreva soltanto n. 1 (numero una) assenza da parte di n. 1 (numero uno) componente per non raggiungere il necessario numero legale per deliberare in seno all’importante Organismo.

Tale situazione si riproponeva nei mesi quasi costantemente sino ad oggi, in pratica non consentendo alla Commissione di operare e di bloccare l’iniziativa di edilizia privata.

Dalla scadenza del termine del triennio solo alla data del 10 maggio 2019 con prot. n. 924, poi, veniva pubblicato il bando per la presentazione delle nuove candidature finalizzate alla costituzione di un elenco di esperti ai sensi della Legge regionale n. 10/1982 per la nomina dei membri della Commissione Locale del Paesaggio e, visto che dallo scadere del termine di presentazione delle suddette candidature – ovvero dalla data del 25 maggio 2019 – pur essendo state convocate più volte le sedute del Consiglio comunale non veniva mai inserito il relativo necessario punto, l’opposizione ha scelto di assumere una posizione ben precisa e determinata.

Infatti, essendo gran parte del territorio comunale di interesse paesaggistico, la mancanza dei pareri di detta Commissione rallenta l’attività di ufficio, creando notevoli disagi ai professionisti, alle imprese ed ai privati cittadini.

Si provvedeva quindi a richiedere presso gli Uffici comunali competenti le motivazioni di tale fase di stallo e gli stessi, unitamente a diversi Amministratori comunali, comunicavano per le vie brevi quale motivazione che non fosse stato presentato il numero minimo di domande, ovvero n. 5 (numero cinque), tale da poter procedere alla sua composizione mediante formale nomina del Consiglio comunale.

Da informazioni assunte da diversi tecnici locali, però, si riscontrava che – diversamente da quanto detto – vi era stata una partecipazione in termini di candidatura almeno di un numero pari alla sua regolare composizione.

I Consiglieri di minoranza, infine, hanno avvertito i destinatari della presente nota di evitare di riaprire irritualmente, immotivatamente, inopportunamente ed intempestivamente i termini del suddetto avviso pubblico solo allo scopo di favorire la partecipazione di specifici professionisti che non abbiano avanzato già regolare richiesta nei termini del citato bando.

Condivi il post su:

Hiroshima, oggi 74^ anniversario bomba: il sindaco Matsui invita i leader del mondo alla Pace.

Raffaele Carlino

agosto 6, 2019

47 visualizzazioni

TOKYO, (Anna Smimmo) – Oggi, 6 agosto 2019, a 74 anni dal disastro nucleare i rintocchi della campana nel parco del Memoriale della Pace di Hiroshima hanno scandito il tradizionale minuto di raccoglimento alle 8:15 del mattino, per ricordare l’orrore della prima bomba atomica sganciata dagli Stati Uniti sulla città diventata simbolo della catastrofe provocato dall’uomo. Circa 50 mila persone erano presenti alla cerimonia, assieme ai rappresentanti di 92 nazioni. Come da tradizione il sindaco di Hiroshima, Kazumi Matsui, ha inaugurato il discorso di commemorazione con l’invito ai leader del mondo a un maggiore impegno per un processo di pace che escluda la deterrenza di armi atomiche, sollecitando il governo di Tokyo a firmare il trattato per la proibizione degli ordigni nucleari. Lo stesso Giappone, infatti – al pari di Stati Uniti e Russia – non è tra i paesi firmatari dell’intesa ratificata nel luglio 2017 da 122 governi; una decisione contestata dai sopravvissuti della tragedia nucleare, gli ‘hibakusha’, attualmente meno di 146 mila in vita.

Condivi il post su:

RIFIUTI, DICHIARAZIONE DEL VICEPRESIDENTE FULVIO BONAVITACOLA

Raffaele Carlino

agosto 6, 2019

59 visualizzazioni

NAPOLI- (Anna Smimmo)- “In relazione a propagandistici e falsi accostamenti fra l’incendio di sabato scorso presso l’area industriale di Battipaglia e la mancata rimozione delle ecoballe si rende opportuno stabilire la verità dei fatti. Il programma regionale di rimozione delle ecoballe riguarda l’enorme accumulo di rifiuti domestici avvenuto fra il 2000 ed il 2009 presso siti a gestione pubblica. L’incendio di Battipaglia è avvenuto presso un impianto privato e riguarda rifiuti speciali (non domestici) accumulati nei mesi scorsi. Dire che tale incendio è conseguente alla mancata rimozione delle ecoballe è una grande balla e basta. Ciò non toglie nulla alla gravità del fatto ed all’urgenza di accertare ogni responsabilità, visto che Battipaglia è stata periodicamente colpita nel recente passato da episodi analoghi. Ed occorre mettere in campo ogni azione per evitare il ripetersi di altri incendi, a partire dall’attuazione delle nuove linee guida regionali per la prevenzione e la sicurezza dei siti ove sono depositati rifiuti di qualsiasi tipologia. Unitamente al rafforzamento dei controlli e monitoraggi degli impianti interessati.

È abbastanza miserevole il tentativo di scaricare responsabilità sulla Regione anche laddove è chiarissimo che non c’entra nulla. Ma lo scaricabarile è scorrettezza alquanto frequente nel settore delle problematiche ambientali. Ne è riprova il maldestro tentativo di attribuire alla Regione responsabilità gestionali nel dover fronteggiare il fabbisogno di destinazioni alternative dei rifiuti che non potranno essere trattati a settembre presso il Termovalorizzatore di Acerra, per  il fermo previsto. La Regione ha svolto e svolgerà fino in fondo, con responsabilità, una funzione di coordinamento e supporto nei confronti di province e loro società operative, Comuni ed Enti d’ambito per superare ogni criticità. Ma va ricordato che sono gli Enti territoriali ad esercitare le funzioni gestionali del ciclo ordinario e delle sue criticità temporanee. Sorprende che il Ministro dell’Ambiente trascuri questo dato, evidenziando presunti ritardi nel coinvolgimento del governo sulla problematica del fermo di settembre del Termovalorizzatore di Acerra. La vicenda è nota da mesi e nulla ha impedito al governo di dare un contributo per agevolare la soluzione. Al momento il contributo più significativo ricevuto dalla Regione da parte del Governo in carica è stato il taglio in finanziaria 2019 del fondo per interventi connessi al funzionamento del Termovalorizzatore di Acerra, da molti anni riconosciuto ed erogato per 25 milioni di euro annui.
Questi sono i fatti. Intanto domani si chiude l’ultima gara regionale per completare la rimozione delle ecoballe e venerdì si terrà un incontro in regione con Eda e società provinciali per ultimare il piano in vista della chiusura di settembre del Termovalorizzatore. Il lavoro continua incessante, nonostante le chiacchiere e le scorrettezze”- è quanto afferma il Vice Presidente della Giunta Regionale Fulvio Bonavitacola.

Condivi il post su:

FILIERA BUFALINA, TAVOLO TECNICO PER DEFINIRE LE INIZIATIVE

Raffaele Carlino

agosto 2, 2019

61 visualizzazioni

NApoli- (Anna Smimmo)- Oggi, 1 agosto 2019, convocato dal Ministero della Salute, Direzione generale della Sanità animale e del Farmaco veterinario, si è tenuto il tavolo tecnico per discutere delle iniziative per il miglioramento dello stato di salute e per la salvaguardia del patrimonio della bufala mediterranea della regione Campania.
Erano presenti, tra gli altri, la Regione Campania, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno e il Centro di referenza nazionale dell’allevamento bufalino, che ha sede presso l’IZSM, il Centro di referenza nazionale sulla brucellosi, che ha sede presso l’IZS di Abruzzo e Molise, l’Asl di Caserta, l’Asl di Salerno, il Consorzio di tutela della Mozzarella di bufala campana Dop, i rappresentanti delle organizzazioni professionali Confagricoltura, Coldiretti, Cia, Copagri, Anasb, Ris bufala, Ministero delle Politiche agricole e forestali, rappresentanti della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, il dipartimento di Medicina Veterinaria e delle Produzioni animali della “Federico II” di Napoli, la Provincia di Caserta, rappresentanti delle amministrazioni locali delle province di Caserta e Salerno.
Il tavolo, presieduto e coordinato dal direttore generale della Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute, Silvio Borrello, ha preso in considerazione tutte le criticità che ancora impediscono il raggiungimento del risanamento dalla brucellosi e dalla tubercolosi.
La discussione è stata ampia e costruttiva. Gli intervenuti hanno convenuto che l’impianto legislativo attuale è assolutamente un valido e utile strumento per il raggiungimento dell’obiettivo. L’UOD Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria della Regione Campania, in accordo con il Ministero della Salute, ha accolto alcune proposte migliorative in accordo con la norma vigente che il direttore Borrello ha riassunto nei seguenti punti:
1) formazione degli operatori dell’intera filiera volta a migliorare le conoscenze delle tematiche sanitarie di loro interesse;
2) implementazione del sistema Classyfarm nella filiera bufalina;
3) implementazione delle misure di biosicurezza;
4) perfezionamento delle procedure di sostegno economico agli allevamenti con capi abbattuti con riduzione dei tempi di rimborso;
5) miglioramento delle tempistiche di ricontrollo negli allevamenti non ufficialmente indenni e delle risposte analitiche previste dal dettato normativo.
Il tavolo si è chiuso con la proposta di un nuovo incontro a settembre per valutare lo stato di avanzamento del programma di risanamento.

Condivi il post su: