Classi in movimento 3° Circolo Didattico

Vincenzo Buffardi

giugno 30, 2018

163 visualizzazioni

Mondragone. (Alfonso Attanasio) Grande successo ha avuto il progetto “Classi … in movimento” della Direzione Didattica Mondragone Terzo. La nuova ASD Sporting Team Rodari Box in collaborazione con il 3° Circolo Didattico plesso Rodari e Tifata Boxe Team Perugino ha presentato lo Stage di fine anno scolastico 2017/2018.nell’auditorium della palestra Si sono esibiti molti ragazzi. Il sindaco Virgilio Pacifico e il consigliere Regionale Giovanni Zannini hanno salutato e, per altri motivi, hanno dovuto lasciare la scuola. Erano presenti: la Dirigente Scolastica Carmelina Patrì, l’assessore allo sport Giuseppe Piazza, l’assessore alla Cultura Francesca Gravano, il Presidente della Ass. Riviera Domitia Vincenzo Buffardi, il sottoscritto giornalista Alfonso Attanasio, il Presidente dell’Associazione Pugilistica Alfredo Renigher, il giudice arbitro responsabile regionale giovanile pugilato Giuseppe Pomarico, il parroco della parrocchia S.Angelo Don Paolo Marotta, il gruppo sportivo Fiamme Oro pugilato e lotta libera con esibizione, Antonio Savarese che ha contribuito come organizzazione e come  arbitro durante il pugilato dei bambini, i Bob-Bon Girl del 3° Circolo Didattico. Ovviamente un grazie va alla preside e a tutti gli insegnanti per la manifestazione che ha avuto un grande successo perché è un progetto di Educazione Motoria e Sportiva nella Scuola Primaria. L’intento è quello di contribuire, attraverso un’adeguata educazione al movimento e alla formazione integrale della persona. Un progetto che nasce dalla volontà di sostenere la promozione delle iniziative sportive destinate agli istituti scolastici. Conciliare l’attività agonistica con lo studio, la vita da studente con quella da atleta ora sarà possibile grazie al nuovo programma sperimentale previsto dalla legge 107/2015 “la buona scuola”, spazio dedicato agli studenti atleti di alto livello. Ovviamente l’idea di fondo è quella di arricchire il patrimonio motorio e culturale degli alunni che possono orientarsi e scegliere l’attività sportiva più consona ai propri bisogni ed interessi.

Condivi il post su:

Lascia un commento